Prime Stale Air al Brainstorm. Riempiamogli il locale.

prime stale air

Il 31 luglio al Parco di Fusignano il Branstorm di Fusignano (RA) ha organizzato la terza edizione del Prime Open Air, al parco. E’ stato bello perché c’era il prato, il caldo, la birra, la piada con la salsiccia e una serie di gruppi che dal vivo sanno suonare.
I ragazzi del Brainstorm non sono gente che aspetta un anno per organizzare un altro festival. Non importa se è freddo: hanno un posto caldo, al chiuso, con un sacco di righe bianche e rosse sui muri e un buon impianto. Il Brainstorm, appunto. E al Brainstorm hanno messo in piedi la winter edition del Prime Open Air, il Prime Stale Air. Non ho le prove, però sono quasi certo, che sia esattamente il significato che hanno voluto dargli, ma “stale air” significa “aria viziata”. Non dobbiamo preoccuparci di questo perché al Brainstorm ci sono molte finestre. Se il 21 sentiamo odore di stantìo, però, non ce ne frega un cazzo. Anzi, mai sentito locale rock che non sapesse di uomo sudato, soprattutto dopo che non si può più fumare. La legge Sirchia è del 2003 ed è una delle più belle dell’Italia degli ultimi 10 anni, seconda solo all’interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi. Se Sirchia ha deciso che dopo aver fatto serata era bello tornare a casa senza puzza di fumo addosso, non ha potuto e non potrà niente, né lui né nessun altro Ministro della Salute, contro il tanfo che si sente nei locali dove si fa sbrang sbrang con le chitarre. Da quando Sirchia ci ha fatto la legge, i club di tutt’Italia sono migliori, perché si sente quello che si deve sentire. Quindi, per non fare uscire la stale air, sabato 21 dicembre al Brainstorm non apriranno le finestre, e fanno bene: allora, comunque, vuol dire che siamo nel posto giusto.
E siamo nel posto giusto perché suonano i Chambers (To Lose La Track, Shove Records) e i Lantern (V4V, Flying Kids Records e Fallo Dischi), che dal vivo sono bravissimi (entrambi), insieme a La Svolta e Combo Disaster, punk/hc local heroes. I Lantern fanno dello screamo italiano, dei Chambers abbiamo già parlato, qui e qui. L’ultima cosa che hanno pubblicato i Chambers è This Is Not A Love Song, una cover dei P.i.L. su TINALS, compilation dei gruppi italiani più tosti, uscita, per ora nei suoi primi due episodi, su audiocassetta per To Lose La Track. E magari i Chambers al Prime Stale ci fanno pure This Is Not A Love Song. I Lantern il 21 li vedrò per la seconda volta e mi dovranno convincere di più della prima. A gennaio arriva il disco nuovo, Diavoleria, e magari ci fanno pure qualche canzone nuova.
Ritorno sul fatto che quelli del Brainstorm non hanno avuto voglia di aspettare un altro luglio prima di rifare un festival. E’ gente che non sta ferma, che si sbatte per fare in modo che gli unici nostri passatempi quando arriviamo nella bassa ravennate non siano uccidere zanzare o tagliare nebbia a fette. Posto bello, gruppi belli, fuori è freddo, dentro è caldo. Gente che spacca, riempiamogli il locale.

Righe al Brainstorm

Tre per il Brainstorm di Fusignano, anzi quattro

Alla fine ci sono arrivato. Fusignano è subito dopo Lugo di Ravenna, si raggiunge facile, dall’A14, prendendo lo svincolo per Ravenna. C’è gente che ha scommesso che mi sarei perso. Ho vinto. Il Brainstorm è in Piazza Corelli, nel centro sputato di Fusignano, ed è un bel posto, dove fanno concerti sani e di musica bella (pagina Facebook). L’8 febbraio hanno suonato Action Dead Mouse, Lantern e Disquieted By.
Dovevano esserci anche i Combo Disaster, ma non c’erano, anche se c’erano, nell’aria, col cuore. Sono stato bacchettato perchè non li ho ricordati sin dall’inizio (tutte le parole tra “dovevano” e “intervista” le ho aggiunte in un secondo momento), e avevano ragione a bacchettarmi. I Combo Disaster hanno una pagina Facebook e stanno registrando un mini album. C’è un link che secondo me è da vedere, un’intervista.

Al Brainstorm ho fatto i video con il mio cellulare ma la maggior parte sono improponibili e quindi (due) li prendo dal Tubo di Roberto Trioschi. In tutto sono quattro cose per il Brainstorm, di cui

una per gli Action Dead Mouse, il cui ep Perché questa casa ci esplode negli occhi? (T R I S T E records) è una bomba di idee, nei testi e negli arrangiamenti, con loop di chitarre, basso e batteria incrociati alla perfezione in ritmi indecisi e storti; Ginocchia è uno dei pezzi dell’ep. Ora è uscito anche il nuovo vinile ä (trovate tutto qui actiondeadmouse.wordpress.com):

una per i Lantern, manca il cantante ma c’era, con lo screamo dai testi sinceri e filosofici, e metto una foto perchè il mio video non rendeva giustizia a quanto sono potenti loro; scaricate gratis qui NOICOMETE, l’ep dei che hanno fatto per Twotwocats:

Lantern al Brainstorm

una per i Disquieted By, supremi:

una per i Disquieted By che preparano il palco con Va tutto malone del VERME, e per il VERME che accompagna i Disquieted By. Ogni cosa è molto giusta, la musica del migliore gruppo punk rock italiano degli ultimi anni, il video prima della tempesta del migliore gruppo del 2012, proclamato da neuronifanzine, per quel che ve ne frega: