Fàn dscàr låur: MARNERO, La malora

 

verdescuro

Fàn dscàr låur in dialetto bolognese vuol dire, o almeno spero, Facciamo parlare loro. Facciamo parlare loro è una rubrica storica, arrivata già alla sua prima uscita, oggi dedicata a La Malora, il nuovo disco dei Marnero, che sono di Bologna (da qui l’inutile titolo in bolognese). Tre cose. 1) Nella rubrica in questione non faccio altro che trascrivere le parti che mi sono piaciute di più dei testi di un disco: più propriamente, non parlano LORO ma i loro testi. 2) La Malora dei Marnero è il terzo episodio della Trilogia del fallimento (dopo Naufragio universale e Il Sopravvissuto) e racconta di alcuni sopravvissuti che s’incontrano in una taverna su cui si abbatte il disastro totale. E allora potrebbe cambiare tutto, i ruoli, la vita, la prospettiva. 3) Sta rubrica è molto esclusiva, si fa solo quando ce n’è veramente.

“La terra è ferma solo per quelli che hanno le catene alle caviglie ai polsi agli occhi e alle vene. Il formicaio dietro al Porto è una grande tomba a cielo aperto, le formiche nel suo ventre ci lavorano per sempre senza mai farsi domande. Finirà che poi ci moriranno dentro, nel centro del cerchio” (Porti)

“Nei gangli del Labirinto non si trova neanche un mezzo vivente in mezzo a questa gente e la luce accecante non fa vedere niente. Il buio svela la sparizione dell’Orizzonte. La città dietro al Porto è una tomba gigante. Questa luce non è salvezza, è solo corrente alimentata da una schiavitù consenziente che si scava da sola una fossa gigante” (Labirinti)

” ‘Uno specchio che ha stravolto il riflesso distorto del mio volto. La corda stretta al collo, ma io non me ne sono neanche accorto’. Una visione, un sogno sepolto o un racconto?” (L’Ubriaco)

“Da mendicante senza aspettarti niente vai alla cieca e puoi rinnegare chi sei. E tu che bevi per non scordare versami ancora del vino che io preferirei di no, non dimenticare, e quindi ho scelto di mendicare”. (Il Cieco)

“Su quella nave cantavo il mare e i guai, tenevo il ritmo e narravo le gesta, storie che spronano allo sforzo i marinai per tener duro e scamparla dentro alla tempesta. Mi cacciò il capitano, non la gradiva l’imprevedibilità”. (Il Cieco)

“Naufrago fra le onde di sabbia, stivato nella pancia gigante di una barca bianca. Senza rifugio, difesa, né nome, lui scappa nel vuoto di un’amnesia e nell’apnea del respiro che manca. ‘Tu partirai con dolore’. Le ombre spariscono quando ti butti nel mare”. (Il Clandestino)

“A volte la fuga è l’ultima carta per dire di No”. (Il Clandestino)

“Una vita a cercare una via per non obbedire né comandare, una vita a morire infinite volte prima della morte definitiva”. (Il Marinaio)

“Il Baro perde la mano anche se è lui a mischiare il mazzo: non sa più quando bara. Cazzo, il Bambino ormai è un ragazzo. Il Baro spacca il bicchiere, si taglia una mano e il ragazzo gli porta una benda ma gli cade il Manuale e ormai è tempo che si arrenda”. (Il Baro e il Bambino)

“La ciurma è sotto assedio: la Grande Foresta in fiamme si sta facendo strada fra le incrinature delle assi di legno, ingoiando tutto quello che incontra”. (La sparizione)

“Lo Scarto è l’apostrofo nero fra la simmetria e l’asimmetria. L’errore ha un limite previsto che è dentro la media altrimenti finisce scartato. Chi ha deciso strumenti e unità di misura ha deciso anche il risultato. Ma lo Scarto ha creato le incrinature, nella norma e nelle sue misure l’acqua già penetra dalle fessure. Ci vuole impegno per perdersi, ci vuole la scelta per perdere tutto”. (Il Pendolo)

“Non fuggire, né galleggiare, ci deve essere un modo altro”. (Il Testimone)

“Noi amici del conflitto e nemici della guerra, noi senza divisa che ci siamo rifiutati di militare”. (Specchio nero)

“Noi che abbiamo cercato un’altra posizione sulla stessa barca e nello stesso tavolino”. (Specchio nero)

“Bisogna andare avanti, anche se avanti non c’è nulla. Bisogna guardare l’abisso e c’è il rischio di finire a brandelli. E allora? Senti il suono della Malora”.

“Non chiederò perché, non chiederò chi, non chiederò cosa, non chiederò verso dove, ti chiederò soltanto il Come”. (sempre Specchio nero)

bandcamp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...