Iggy and The Stooges a Firenze, un capolavoro

Alla fine siamo arrivati tardi e anche di corsa a vedere gli Stooges a Firenze. No Fun, Louie Louie e The Passenger abbiamo sentito, le canzoni più sputtanate di Iggy Pop. Il bis. Non si inizia un concerto Rock’n’Roll alle 21:30, oh Renzi. Il palco era lontano, eravamo in mezzo alla marea di gente che pogava, ascelle, aliti, vino birra, vodka, fumi, si sentiva poco, si vedeva ancor meno. Ma anche solo vedere da lontano quella sua pellaccia incartapecorita che saltella in un corpo venticinquenne… sono soddisfazioni. Alla fine poi ha gettato un guanto di sfida alla folla, slacciandosi un pò i calzoni e gridando, a un tu generico: “Do you wanna suck my dick? Do you wanna suck my dick? Suck my dick!”. E mentre gridava questo, si batteva i pugni sul petto. Slacciarsi il pantalone e fare il gorilla contemporaneamente non è facile. Grande. Altroché Radiohead. Questo è l’inimitabile Iggy, gli fa un baffo tutto il resto. E alla fine, io, mi sono fatto tirare fuori dal mare di ascella dalla Protezione Civile. Non che stessi male, ma volevo andare a cercare un posto da cui vedere il concerto. Così ho teso la mano e mi hanno tirato su. Ho fatto in tempo a fare un video di merda col cellulare, a eliminarlo, poi il concerto è finito. Dicono che Iggy sia andato poi all’Hard Rock Café li accanto a Piazza della Repubblica. E ho visto immagini di donne nude che ballano sul palco. E molti si chiedono “Ma è questa la fine che ha fatto il Rock’n’Roll?”. Ma cosa vi chiedete? Che domande vi fate? E’ sempre stato così, anzi è stato peggio. Fortunati voi che sul palco non sono saliti degli uomini nudi. Mi hanno raccontato anche del sassofonista, Steve Mackay, un mito di uomo con capello sfilacciato e pledga sotto i bicipiti.
“Do you wanna suck my dick?”… quando lo urlava lo faceva talmente bene che non ci credeva neanche lui. Se ti tiri giù la patta completamente in Italia, arriva il Papa e ti fa mettere al gabbio. Come Piero Pelù.
Iggy contro tutti. Quando prendevo in giro i miei amici che mi invitavano al concerto di ieri sera io ero all’oscuro, io non sapevo.

Iggy Pop & The Stooges a Firenze il 27 settembre, andiamo oppure no?

Possibile che dobbiamo essere indecisi su questioni come: andiamo a vedere il concerto di Iggy & The Stooges il 27 settembre a Firenze, in Piazza della Repubblica, oppure no? Il primo motivo dell’indecisione, che tira verso l’ “ANDIAMO” è perché è gratis. La manifestazione si chiama “Hard Rock Cafe Rocks the Square” (secondo motivo a sfavore). Sembra che stiano organizzando un mega concerto, e mentre la band suona, ti offrono patatine fritte in gomma e tu le mangi perché sei rock ‘n’ roll. Io sono indeciso, perché sono un debole. E questo è un terzo motivo, né a favore né contro, già anticipato sopra. Ma siamo sicuri che Iggy non si decomponga (guardatelo…)? Di solito è molto agitato sul palco, forse i suoi arti partiranno staccandosi dal corpo e colpiranno il pubblico. Non vorrei essere lì in quel momento. Però accidenti gli Stooges: oggi c’è chi li prende in giro, ma vederli dal vivo non deve essere male. Ma secondo voi Iggy lo regge tutto un concerto senza vomitare? Il pericolo è dietro l’angolo. Solo che quando ti ricapita di vederli… se non sbaglio qualche anno fa (2004) partì un pullman enorme in direzione Torino, contenente decine e decine di personaggi di età e provenienza miste che corsero a vedere Iggy & The Stooges: i pareri sullo spettacolo furono discordanti, c’era chi aveva parti di Iggy nelle orecchie (poi Iggy si rigenera). Quindi ogni tanto torna in Italia. Ma se dobbiamo aspettare 8 anni è lunga, l’ultima pisciata è sempre in agguato (lungi da me il tirargliela la sfiga). Bisognerebbe andare.
“Hard Rock Cafe Rocks the Square” è un nome che è tutto un programma. Pare che la band emergente vincitrice del concorso estivo “Battle of the bands” aprirà il concerto degli Stooges. Decisamente un onore. Ma occhio alla formalina che schizzerà tutto intorno all’inarrestabile Iggy. Il concorso è organizzato anche da Virgin Radio. Ma con Iggy sul palco c’è anche Ringo che urla quindi?
Dal 2010 Iggy Pop è nell’Olimpo dell Rock‘n’Roll Hall of Fame. Non un bel segno. Però che potenza vedere The Stooges. Nella formazione attuale al basso c’è Mike Watt, ex ex ex Minutemen. L’indecisione attanaglia tutti noi.