The Power of Rock 4 (disco-grunge): Daft Punk, Alice In Chains e Mudhoney

The Power of Rock 4: Daft Punk, Alice In Chains e Mudhoney

Drogati sintetici raggiungete al parco gli amici che si fanno le canne, giovani tamarri in fregola con i vestiti e le scarpe a punta di Gucci stringete le mani a quelli con le Vans, grandi amanti del vocoder unitevi agli utilizzatori del talkbox. Quelli col rayban d’annata e il ciuffo si mettano accanto a quelli con le lenti a contatto, quelli col pacco grande consolino noi col pacco piccolo.
Oh mandria, tutti insieme, mettiamo una bella cassa di fronte alla faccia di chi dalle pagine del Fatto Quotidiano (Marco Pipitone, già tanato da Bastonate) lancia strali e tenta di creare un movimento di parassiti intorno ai Daft Punk, parlando male di chi si veste bene peraltro, e spariamo a tavola tutta Giorgio by Moroder di Random Access Memories, tutto il basso che ha. La coda finale gli farà fare un viaggio in un universo parallelo perchè credo sarà la prima volta che l’avrà ascoltata seriamente. Facciamolo anche divertire un pò, quella è gente che non ride mai, facciamolo ballare con Give Life Back to Music o, se proprio dobbiamo, facciamogli ricordare i bei tempi dei Goblin con Contact. Se non succede niente, io vado ad ascoltare Touch (feat. Paul Williams).
Per quanto ne sò un tamarro con la cintura di pitone può pure fare all’amore con una giovane coi jeans skinny e le allstar rotte sulle note di Within, a testimoniare che tutto il buono che c’è in un disco come l’ultimo dei Daft Punk possono apprezzarlo non solo i sofisti radical chic con il pacco grosso ma anche tanti altri. Io non ho il pacco grosso, per esempio.
Alcune recensioni fanno trasparire che chi non sa cosa scrivere si butta sulle cose di costume, offendendo i destinatari più ovvi, ma non reali, senza rendersi conto che alcuni fenomeni musicali vanno al di là della prima associazione mentale che salta al cervello. Chi fa Scuola di musica fa anche molto presto a dividere il mondo in parti e fazioni, a scrivere recensioni sulla spinta di un fegato corroso dal molto parlare che si crea intorno a un disco di gente che odia non si capisce bene perchè ma non per la musica che fa. E lasciamo che Get Lucky gli rapi sulle braghe per vedere che effetto fa, è sufficiente per me dire che Random Access Memories tutto ha uno dei groove più coinvolgenti degli ultimi anni e che la perfezione e la freddezza con cui viene suonato bastano a metterlo nel mare di merda dei dischi migliori del 2013. Per capire questo bisogna ascoltare bene le progressioni di Giorgio by Moroder e di Motherboard, la freschezza del suono di Fragments of Time (feat. Todd Edwards) oppure il puro French Touch di Horizon. French Touch, che definizione di merda. E gioire che dopo la colonna sonora di Tron Legacy, non del tutto riuscita, i Daft Punk siano tornati e che ancora una volta, come ai tempi di Around the World, One More Time e Human After All (cioè più o meno sempre), siano riusciti a far ballare insieme quelli con il giubbetto di pelle e il teschio disegnato dietro e quelli con il Belstaff. E fanculo alle ghettizzazioni musicali per via di una logica pregiudiziale.
Alice in Chains, The Devil Put Dinosaurs HereDopo i Daft Punk, credo sia opportuno scrivere due righe sul nuovo Alice In Chains. Se io adottassi l’approccio di Mr. Pipitone, dovrei adesso dire: si riuniscano tutti i capelloni drogati che scuotevano su e giù la testa ai concerti grunge-metal, ritornino sulla scena i perdenti degli anni ’90, risorgano i romantici dark che acoltavano le musiche distorte quando la scena di Seattle imperava, quelli che alzavano le braccia al cielo ogni qual volta gli venisse servito un ritmo pestato e che credevano di essere di fronte alla rivoluzione del rock solo perchè c’era chi aveva riportato in voga l’hard rock, si rifacciano vivi tutti questi drogati perchè sono tornati gli Alice In Chains con The Devil Put Dinosaurs Here, neanche stessimo parlando del nuovo album dei Black Sabbath.
O, vabbuo.
L’ultimo disco degli Alice In Chains non è affatto male, ci sono canzoni ispirate come Voices e canzoni con un buon pesto come Stone. Un passo avanti molto lungo rispetto a Black Gives Way To Blue, del 2009, dove gli Alice in Chains avevano paura di essere gli Alice in Chains e giravano intorno a se stessi perdendo di vista lo scopo di fare belle canzoni con le stesse distorsioni e le stesse melodie di sempre, senza cercare vie d’uscita forzate da un passato tragico. Con The Devil Put Dinosaurs Here, dopo che nel 2011 un secondo componente del gruppo ha perso la vita per overdose, ci restituiscono finalmente se stessi. Mi si faccia sottolineare che Sean Kinney alla batteria ha mantenuto la stessa lucidità (Lab Monkey) che aveva in Jar of Flies e che Jerry Cantrell scrive ancora canzoni come si deve (Breath On A Window, Choke). Voglio dire, l’attacco di Phantom Limb suona molto soddisfacente e non possiamo chiedere altro.
Comunque, una delle copertine più brutte degli ultimi lustri, anche se non tanto brutta quanto la precedente.
Vanishing Point dei MudhoneyProseguendo nella volontà di fondare un nuovo movimento ispirato ai principi base del crossover, movimento che era nell’aria più o meno già un lustro fa quando nacque e godette di diffusione massificata eMule, e persin prima, è qui necessario ricordare Vanishing Point, il “nuovo” (in giro già da aprile) album dei Mudhoney. La prima cosa che ho pensato quando ho scoperto che doveva uscire è stata “Ma non si chiama così anche un disco dei dEUS? Se azzecca almeno due canzoni, quello dei Mudhoney vince a parità di nome”. E invece no, somaro, quello dei dEUS è Vantage Point, contiene una delle canzoni più brutte dei dEUS, The Architect, e se non fosse per The Vanishing of Maria Schneider sarebbe quasi da buttare, seppure meglio del precedente Pocket Revolution, l’inizio della fine.
A fatica Vanishing Point batte Vantage Point, se non altro perchè è meno noioso. I Mudhoney sono una di quelle band che è un bene che continuino a fare uscire dischi così li puoi vedere dal vivo, perchè dal vivo suonano bene. Potrebbero comunque continuare a suonare solo dal vivo, ma i loro dichi che non escono lascerebbero un vuoto. Dentro a Vanishing Point non c’è granchè da segnalare se non che i Mudhoney hanno abbandonato quella spiacevole cadenza rock’n’roll che (un pò) caratterizzava l’album precedente, The Lucky Ones, e che il singolo The Only Son of the Widow of Nain era quasi azzeccato anche se non era un gioiello. Il problema non è suonare sempre la stessa canzone (questo lo fanno bene), il problema è che il disco corre via piuttosto liscio e senza sorprese, dalla 1 alla 10.
Firmato: Movimento disco-grunge, perchè crediamo che chi ascolta i Daft Punk possa avere anche il capello lungo abbestia e chi ascolta gli Alice In Chains possa portare gli occhiali di Gucci.

Settimana: Fine Before You Came, Paola e Chiara, libri a 0.99, Zulu e Balo

Repubblica Ceca - Italia 0 a 0

Garantito al limone che ho in bozza un pezzo che spacca. Questa settimana però ne sono successe delle belle e non posso fare finta di niente. Paola e Chiara hanno annunciato il loro immenente ritiro dalle scene; i 99 Posse tutti insieme, o non ho capito se solo Zulu, sono stati menati prima di fare un concerto che poi non hanno fatto; è girata una foto dei Daft Punk nudi; è uscito il disco nuovo dei Fine Before You Came, che si chiama Come fare a non tornare (free download qui) ma che dice “Non sappiamo come fare a non tornare” e quindi il titolo induce un pò in inganno, in modo splendido perchè è come se ti dovessero dare la soluzione per qualcosa e invece non te la danno, ed è una cosa davvero poetica e in linea con quello che cerco nella musica, sempre che io sappia cosa cercare nella musica; sono usciti i nuovi Newton Compton a 0,99 centesimi; Balotelli si è preso un cartellino rosso.
Non credo sia la notizia più interessante della settimana ma il fatto che Paola e Chiara Iezzi abbiano preso una decisione simile cambia l’equilibrio meneghino. Una volta un mio amico che vive da tempo a Milano, e già quando mi fece questa confessione ci viveva da tempo, forse ancor prima di Paola e Chiara, mi disse che era stato a una festa in casa di Paola o Chiara. Lui non è che frequenta certi ambienti, c’era capitato. Mi ha detto che Paola e Chiara alle loro feste mettono sempre su le loro canzoni, solo quelle. Non si potrà fare a meno di simili idee geniali. Qui sta il punto, non altrove. Leggendo il testamento spirituale su facebook si capisce che Chiara (la bionda) è un’attenta sociologa e che conosce il mondo della musica. E infatti è certamente la responsabile del titolo dell’album nuovo, che si chiama Giungla (in streaming su Spotify qui, gran copertina). Comunque ha ragione a dire che si è stancata di mendicare attenzione. Paola, che tra l’altro è più lungimirante e intraprendente e ha per questo posato più spesso in abiti succinti, inizierà una carriera da solista e farà sicuramente successo.

In versione Sasha Grey, altra grande artista

In versione Sasha Grey, altra grande artista

Ora, sò che non si può mischiare la merda con il cioccolato, ma in questo post mi è venuto di parlare anche del nuovo album dei Fine Before You Came (che sono il cioccolato, sia chiaro). Però è sempre bene non spingersi oltre certi limiti, non me la sento, e di Come fare a non tornare ne parlo da un’altra parte (faccio tutto solo per una pagina visitata in più).
Zulu l’hanno preso i fascisti e l’han menato facendolo sanguinare, in un atto che può solo suscitare una reazione: cercare i responsabili, trovarli (tanto hanno il cervello di una zanzara) ed essicargli le palle insieme alle pesche. Anche se non sentivo parlare dei 99 Posse da un lustro. E con questo non voglio dire che hanno organizzato tutto per fare parlare di sè come Berlusconi quando gli hanno tirato il Duomo in faccia, voglio solo dire che non ne sentivo parlare da un pò. L’atto è da condannare con convinzione, come direbbe un qualsiasi Presidente di qualcosa. Rispetto per Zulu che son decenni che porta avanti la causa.
I Daft Punk non erano nudi ma spogli dei soli caschi. La foto è stata postata su facebook da The Knocks, una band che fa della dance music. Giustamente si sono incazzati tutti con i The Knocks che però hanno detto che non sono stati loro a condividere lo scatto ma il Fantasma Formaggino. I più duri hanno commentato che a loro non gliene frega un cazzo perchè tanto si sa benissimo che faccia hanno i Daft Punk, cosa per altro vera, lo sapevo anch’io che sono la cosa più lontana da un fan dei Daft Punk, anche se con questo ultimo disco Random Access Memories hanno talmente spinto che tra poco mi straccio anch’io le vesti, in due tempi, quando parte Get Lucky e quando Moroder dice “My name is Giovanni Giorgio but everybody calls me Giorgio”. Uno degli album migliori del 2013, comunque. In modo freddo e asettico ecco la foto incriminata.
I nuovi Newton Compton a 0,99 centesimi sono la seconda tornata di un’idea bellissima, concretizzatasi tra l’altro in edizioni che sono molto meglio dei tascabili Mondadori, se non altro le frasi e le lettere stampate non si smaterializzano o non devi leggere delle righe a spirale rotolando su se stesso il collo. Sono, tra gli altri: Uno, nessuno, centomilaSherlock Holmes. Uno Studio in Rosso; Aforismi di Wilde; Una stanza tutta per sè; La MetamorfosiDr. Jekyll e Mr. HydeCuore di caneLa casa stregata di Lovecraft.
Passiamo adesso allo sport.
Calcio. Balotelli si è fatto espellere anche ieri sera. Una cosa deve fare, goal, non l’ha fatto, ma sono convinto che in Confederations Cup spaccherà (se potrà giocare). E del resto cosa ce ne faremo di un Balotelli sereno e tranquillo, sarebbe molto triste se lo vedessimo addomesticato, sarebbe come replicare la tristezza del passaggio dal Papa cattivo a quello buono: prima tutti contenti, poi tutti annoiati.