I miei dischi preferiti del 2021

Suspence..

Arrivo a 15 dischi.

15. Wurld Series, “What’s growing”
Rassicurante e assolutamente esaltante. E quando esaltazione e comfort diventano la stessa cosa si mette male. C’era un gruppo della mia città che negli anni ‘90 faceva roba tipo anni ‘70, non cover, canzoni originali. Ai loro concerti c’erano anche persone di 50 anni. A me facevano cagare, proprio perchè facevano roba di vent’anni prima. Adesso ci sono i Wurld Series che fanno musica di TRENTA anni fa, canzoni originali, e io li ho messi nella mia classifica di fine anno. Sono uno zio attacca pezze. Ci tengo a sottolineare che è il primo disco che farei fuori dalla classifica.

14. Hold Steady, “Open Door Policy”
È un disco americanissimo, in cui spesso le chitarre sono nascoste dalla produzione e invece di esplodere implodono. Un disco in cui il norm-core incontra la tradizione rock americana di Bruce Springsteen, la mischia con l’hard core, l’indie rock e lo spoken-word ma comunque ha la meglio. Sulla carta è un disastro ma è esattamente il contrario. Craig Finn ha una capacità di scrittura invidiabile e le melodie che tira fuori rendono irresistibili tutte le canzoni. Recensione di aprile diversissima da quello che ho scritto qui.

13. Cherubs, “SLO BLO 4 FRNZ & SXY”
Sono sempre loro, cambia poco, ma ascoltarli è sempre liberatorio. Molto meglio il secondo dei Bennett, che vincono quindi la menzione speciale (li amo). Però, se quello dei Bennett è meglio di quello dei Cherubs (per mille motivi, tra cui: ci sono più idee, è meno saturo, è più catchy) allora non ha senso che abbia una menzione speciale e non sia in classifica mentre quello dei Cherubs si. Quindi, metto i Bennett nella posizione n. 13 e ai Cherubs va la menzione speciale. Ora però si presenta un altro problema: i Bennett si meritano una posizione migliore della 13. Per ora, facciamo uno scambio con Laura Stevenson alla 11, ma non sono soddisfatto del tutto, vedremo cosa succede.

12. Dean Wareham, “I have nothing to say to the mayor of LA”
Magistrale.

11. Laura Stevenson, “Laura Stevenson”
Classico, di stomaco, elegante. Come quello di Cassandra Jenkins (spoiler), è nato per una terza persona. Laura Stevenson ha avuto da poco un figlio e si è trovata ad aiutare un amico con grossi problemi: da qui nasce il disco. Quindi in questo caso ci sono due terze persone. Le altre volte in cui ho sentito un disco dedicato ad altri, mi è sempre comunque parso in primo piano l’artista. Qui, come per CJ, a essere in primo piano è l’altra persona. Laura ovviamente canta e suona, ma scompare. In un mestiere in cui l’ego è sempre al centro, non dev’essere facile farlo scomparire. Forse significa molto, o forse è una cosa irrilevante perché comunque il disco porta il suo nome, ma in qualche modo significa che la musica e il messaggio che vuole trasmettere sono le cose più importanti. (Ho tentato di scrivere una cosa seria, ho come la vaga impressione di non esserci riuscito).

Occhio perchè entriamo nella decina.

10. Dinosaur jr, “Sweep it into Space”
Uno di quei non molti dischi che ti fanno pensare che ci siano ancora dischi che ti salvano la vita e non ti fanno sentire il peso del fatto che sono sempre gli stessi. In vita da prima dei Pearl Jam ma al momento molto meglio dei Pearl Jam.

9. PS5, “Unconsciuos collective”
Disco Brain fog. Un amico – che vive in Svizzera – qualche giorno a cena fa mi raccontava che dopo la terza dose ha avuto giusto un po’ di spossatezza, due linee di febbre e, come dire, come si dice in italiano, ehm, brain fog. La stessa sensazione che ho quando ascolto “Unconsciuos collective”. È elettronica, jazz, ritmi napoletani, un mix di cose di per sé non proprio originale ma che ha la sua forza nel darti l’impressione di non aver mai sentito niente di simile prima. 

8. Whitney K, “Two Years”
Un disco in cui i luoghi comuni si sprecano. Il cantante è un artista che si spacca di alcol e scrive ispirato dal dolore, dall’amore o semplicemente dall’alcol. Le canzoni che vengono fuori ricordano Lou Reed, i Velvet Underground, il country, Johnny Cash. Ogni cosa è al posto giusto, è accomodante. Ma le canzoni spaccano e le avrò ascoltate mille volte, senza stancarmi mai di quel modo che Whitney K. ha di giocare coi luoghi comuni e con le cose facili per farle diventare canzoni che effettivamente ti portano altrove, dov’è lui.

7. Cassandra Jenkins, “An Overwiev on Phenomenal Nature”
Commovente. La genesi di questo disco sta nei due giorni di prove che CJ ha fatto come componente dei Purple Mountains. Che avrebbero dovuto partire per il tour se David Berman non si fosse suicidato. “An Overwiev on Phenomenal Nature” è dedicato a lui e a quello che ha significato per lei, pur avendolo conosciuto solo poche ore. La prima volta che ho letto questa storia ho pensato che in due giorni non puoi legarti tanto a una persona. Fino a quando non ho ascoltato il disco.

6. Moor Mother, “Black Encyclopedia of the air”
Sorprendente. Non so neanche che musica sia, nel senso, non so come si possa definire, ma è magnetica. Forse è hip hop dove il ritmo non incalza, spoken-word non spoken-word. Elettronica è elettronica, però diversa da tutto il resto. È il disco che mi ha impressionato di più al primo ascolto. Al quale poi non ne sono seguiti tantissimi altri perchè non è simpatico da digerire. Ma è strabiliante.

Posizioni calde:

5. Cemento Atlantico, “Rotte interrotte”
Credo che in fondo il suo messaggio sia di continuare a essere curiosi e a ri-scommettere di continuo. (Cosa che non faccio mai ma è il mio ideale di vita). Questa cosa tradotta in musica non poteva essere altro che un viaggio intorno al mondo. Il disco italiano più coraggioso di quest’anno. Recensione.

4. Justus Proffit, “Speedstar”
Adorabile e con un sacco di idee per la pop song. Oltre tutto, lui è un chitarrista coi fiocchi. Per nostalgici di Elliott Smith ma non solo. Qui Justus fa un passo in avanti rispetto al disco prece, si svincola dal maestro e trova una sua meravigliosa originalità. 

3. Low, “Hey, What”
Distonico. In questa classifica sono gli unici paragonabili a Moor Mother o Cemento Atlantico in termini di roba nuova, gli unici con un passato di chitarre che si sono allontanati in modo evidente dal passato di chitarre. Oltre a questo, quando ascolti “Hey, What” ti sballotta da una cuffia all’altra con blocchi di suoni e voci che si alternano e prendono il sopravvento in maniera improvvisa oppure no, ma comunque invadono pesantemente il tuo campo uditivo. È tutto una goduria. “Recensione”.

2. Little Sims, “Sometimes I Might Be Introvert”
Sono senza parole.

NUMERO UNO. Damien Jurado, “The Monster who hated”
Bruttissimo. Sono le canzoni di Jurado, le solite. Però lui è capace di scrivere questi pezzi con una tensione incredibile, in bilico tra la calma e l’agitazione. E a volte ci mette arrangiamenti improbabili, zuccherosi, quasi anni ‘80, o un basso ingombrante come quello di Ares Tavolazzi, per dire, ma non sono mai fuori luogo, sono sempre quello che ci vuole. E ogni volta che esce un disco è bello ascoltarlo all’infinito, ancora e ancora, solo per un anno però, tanto l’anno dopo ne esce un altro. 
Scherzavo, è un disco bellissimo. Post imperdibile su Instagram.

Mi pare di aver scritto tutto. Se ho dimenticato qualcuno è colpa della musica in streaming.

Buon anno ❤

2 pensieri su “I miei dischi preferiti del 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...