Prometheus, gli Ingegneri sono Dio

Appena appena due giorni dopo il primo week end di programmazione di Prometheus di Ridley Scott posso rispondere a quasi tutte le domande intelligenti poste il 6 settembre nell’articolo Prometheus e il Festival di Venezia, abbiamo delle domande. Per quanto riguarda invece la risposta alla questione di Bellocchio sul Festival di Venezia, me ne lavo le mani.
Via alle autocitazioni.
La prima domanda era “Perchè Prometheus è stato presentato da alcuni come il kolossal anti-Avatar”? Non sapevo la risposta allora, non la so oggi. Iniziamo bene.
Prometheus è il prequel o lo spin-off di Alien”. Entrambe le cose: è un prequel ma anche uno spin-off, visto che crea un mondo nuovo, zeppo di spunti.
“Perché l’uomo ha creato i robot?”. E perchè gli Ingegneri, le creature in cui s’imbatte l’equipaggio dell’astronave Prometheus sulla luna LV-223, hanno creato l’uomo? Le domande vanno poste nell’ordine inverso in cui le ho scritte. Gli Ingegneri sono Dio e creano l’uomo a loro immagine e somiglianza perchè sono esseri ottimisti, e l’uomo si diverte a dare vita a esseri uguali a lui però senz’anima, il che potrebbe essere una bella bazza. Pensate, senz’anima agiremmo lucidi e freddi come macchine.
“C’è un motivo per cui si chiamano Ingegneri?”. Gli ingegneri sulla Terra, oggi, sono esseri superiori, sono quelli che fanno i Calcoli, che fanno star su le case e i grattacieli. Sono più intelligenti degli altri o, almeno, sono costretti a mantenere un livello di concentrazione più elevato rispetto a tutti gli altri esseri viventi, umani, animali, vegetali. Anche gli Ingegneri di Prometheus sono in tutto e per tutto, se si esclude il fatto che bevono succo di viscidi calamari giganti e che dagli stessi unti calamari giganti si fanno ingroppare, più intelligenti degli umani: hanno inventato astronavi volanti con molti anni di anticipo e sono scienziati pazzi che fanno giochi di genetica, con molti anni di anticipo.
“E se chiedessimo loro di darci una mano a completare la Salerno-Reggio Calabria?”. L’idea è ottima. A volte anch’io mi concentro e so tirare fuori cose che non pensavo.
“Solo un’ultima domanda: che ne sarà, nel corso del film, della fantastica fisicità di Sigourney Weaver in Alien, dal momento che ella è stata sostituita (in un certo senso) da Noomi Rapace, che sembra sì perennemente incazzata, ma che non ha la stessa potenza e disinvoltura dell’originale?”. La Rapace è figa, non nel senso più tradizionale del termine magari, ma è tosta, talmente tosta da farsi piantare una ventina di punti metallici nella pancia da una macchina solo per uomini maschi che fa interventi di chirurgia in totale autonomia.
Prometheus, ambientato nel 2093, mostra la genesi dell’Alien e s’incastra perfettamente, dal punto di vista cronologico, prima della saga degli Alien (Alien, Aliens – Scontro finale, Alien: la clonazione). I due Alien VS Predator (che partono dal 2004) non escono dal seminato perchè quello creato nel 2093 in Prometheus non è il primo Alien in assoluto. L’Ingegnere beve il succo di Alien nell’incipit del film, e chissà quando se lo beve, magari nel 2001. Pensare per esempio che Ridley Scott abbia pensato (se lo ha fatto), nel 1979, quando ha creato il primo film, che il mostro è nato nel 2001 è una plausibile. Il 2001 nel 1979 era un futuro lontanissimo, perchè era il nuovo millennio e perchè esisteva già 2001: Odissea nello spazio che quell’anno lo aveva già descritto come un futuro davvero futuro.
Nel presente, gli ingegneri sono pilastri a cui non possiamo rinunciare. Nel 2093, gli Ingegneri sono i creatori dell’uomo e si sostituiscono a Dio. Sono figure tostissime, con muscoli trapezi sviluppatissimi, tanto sviluppati che sembrano nascondere ali. Altra caratteristica fisica evidente è il profilo greco, come quello di Poseidone. Ecco, pensare e vedere questo Dio farsi inseminare da un calamaro è tanto spettacolare quanto per lo meno soddisfacente. Ed è anche democratico: il Dio sottomesso dalla bestia, il muscolo sottomesso dal muco, il nervo teso sottomesso dal mollusco cefalopode… sono immagini gigantesche, che danno speranza un pò a tutti. In più, all’Ingegnere piace talmente tanto questa sottomissione, che decide, con lo sguardo sofferente di chi ha rinunciato a resistere a una seduzione così forte e irrinunciabile, di bersi il succo di muco: mantiene il piacere, mantiene il dolore, ma mette da parte l’azione fisica, che costituisce il principale motivo dell’umiliazione di fronte alle platee dei cinema di tutto il Mondo. L’Ingegnere soffre, ma gli piace, e sfrutta la propria conoscenza per creare un estratto di ciò che gli provoca piacere, per continuare a provarlo senza doversi mettere in ginocchio. In nome della Scienza, in nome della creazione di una nuova specie che andrà a distruggere l’uomo-figliuol prodigo ma avverso: l’Alien.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...