#21 ponzio pilates

Qualche domenica fa ho visto a un bel festival in un parco vicino a casa mia il concerto di una band called Ponzio Pilates. Bel nome, ma non il massimo. C’era un gran casino, tutti ballavano, i componenti del gruppo erano o quasi nudi o vestiti tutti colorati, il cantante urlava “scopa la droga” al ritmo di “lega la lega”. Io ero al di là della siepe e tentavo di rimanere estraneo al trenino del pubblico nel quale tanto nessuno mi avrebbe coinvolto, ma meglio stare dalla parte del sicuro. Le canzoni parlavano di canne, di lavoro, di vita, di saluti fascisti per scherzo, di omosessualità. E anche se i bonghi erano più fastidiosi di un calabrone dentro a un orecchio e più di una volta avrei spento volentieri quella specie di flusso continuo di musica festante, avevano un loro perché e il leader era uno carismatico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...